Architettura di un sito Web ottimale

Il tuo sito web è cresciuto fino a raccogliere una quantità enorme di pagine. A questo punto ti rendi conto che hai troppe pagine nel tuo menu e la coerenza del tuo sito web si è persa strada facendo. Sai meglio di me che in questa grande confusione è difficile venirne a capo.

In questo articolo, voglio esaminare alcune cose che dovresti prendere in considerazione se decidi di modificare la struttura del tuo sito. È un lavoro difficile,  a volte ci vuole molto tempo per riscrivere e forse anche creare nuove pagine. Ma visto che è un lavoro che hai già posticipato troppe volte, perché non iniziare oggi stesso la ristrutturazione?

Dal caos all’ordine: il tuo menu

La struttura visiva del tuo sito web è nella maggior parte dei casi , affidata al menu. Naturalmente, anche qui breadcrumbs e permalink fanno il loro lavoro. Ma queste non sono le cose che un utente prenderà in considerazione.

Il tuo menu è idealmente composto da un numero limitato di elementi di primo livello, per mantenere il sito web verticale. Tuttavia devi comprendere  che ci sono più modi per passare da una pagina all’altra e il tuo menu non è che una delle opzioni di navigazione sul tuo sito web.

La maggior parte dei siti Web, il menu inizia con l’elemento Home e termina con l’elemento Contatto. Siamo abituati a questo, e ogni volta che troviamo un sito web a cui manca uno di questi elementi ci sentiamo spaesati e ci sembra che qualcosa non vada. Tutto tra questi due elementi dovrebbe essere collegato in qualche modo. Dunque elenca i principali gruppi di prodotti o aree di interesse del sito web nel tuo menù di navigazione.

Ottimizzare la struttura del tuo sito

I collegamenti interni contribuiscono alla struttura del tuo sito. Sebbene i collegamenti del menu siano i più visibili, se un visitatore sta leggendo un articolo e vuole saperne di più sull’argomento in questione, è più facile trovare un collegamento nel testo rispetto a una voce di menu correlata ad esso. Se hai bisogno di aiuto per correggere la struttura del tuo sito, puoi leggere un articolo di approfondimento su  come migliorare la struttura del sito per il SEO.

Progetta la nuova struttura scrivendola

Chiamala organogramma, chiamalo diagramma di flusso o qualunque nome tu ritenga adatto, ma fare una presentazione visiva della struttura del tuo sito darà i suoi frutti.
Inizia con il menu di navigazione (uno o due livelli) e vedi se riesci a inserire in più delle pagine che hai creato nel corso degli anni. Scoprirai che alcune pagine sono ancora valide, ma non ti sembrano più adatte al tuo menu. Come accennato, non c’è problema, assicurati di collegarli alle pagine correlate e nelle tue Sitemap.
In questo modo Google e il tuo visitatore troveranno queste pagine.

Forse questo diagramma ti mostrerà anche le lacune nella struttura del sito e dovrai aggiungere pagine per ripulire il caos. Se si dispone di un sito Web per un’azienda che sviluppa siti Web, un thread nella struttura del sito potrebbe essere:

Sviluppo Web → Sistema di gestione dei contenuti → WordPress → Temi WordPress → Temi WordPress reattivi

Non tutti i passaggi devono essere nel menu (forse solo lo sviluppo Web e WordPress sarebbe sufficiente), ma tutte le pagine della struttura del sito dovrebbero idealmente essere configurate e ottimizzate. Creerà una ricca raccolta di pagine che si rafforzano a vicenda. A proposito, sono sicuro che un passo in questo esempio ha anche collegamenti ad altre pagine nella struttura del tuo sito, in quanto appartiene anche ad altre raccolte di pagine.

Pagine obsolete , rimuovile (reindirizzale!)

Quello che mi aspetto è che troverai anche pagine che necessitano di aggiornamenti urgenti o peggio: che in realtà non dovrebbero essere sul tuo sito web o semplicemente non si adattano alla struttura del sito attuale o nuova. Servizi che hai offerto o informazioni che non sono più accurate. Scrivi queste pagine o copia gli URL in un file di testo.

Puoi reindirizzare (301) queste pagine, come con il nostro gestore di redirect nel nostro plugin Yoast SEO Premium? Preferibilmente, devi reindirizzare l’URL a un articolo correlato, per preservare tutto il traffico che questa pagina ha. Se tale articolo correlato non esiste, reindirizza a una pagina di categoria correlata o come ultima risorsa alla tua home page. In questo modo la pagina (obsoleta) non interferirà più con la struttura del tuo sito. Leggi l’articolo di Joost se hai bisogno di sapere come eliminare correttamente le pagine dal tuo sito.

Ripensa le tue tassonomie

Quando usi WordPress, una struttura apparente del sito viene fornita dalle Categorie e dai Tag che hai diviso i tuoi post e forse le pagine in. In WordPress, queste sono chiamate “tassonomie”. Ne abbiamo già parlato in precedenza, ma da 8 a 10 categorie sarebbero sufficienti per un sito web. Forse un webshop potrebbe avere di più, ma il livello principale dovrebbe preferibilmente consistere in quel numero di categorie per mantenere focalizzato il tuo sito e la struttura del tuo sito. Abbiamo visto siti che utilizzano oltre 300 categorie, accompagnati da oltre 5000 tag e altro ancora. Questo non sta strutturando il tuo sito web, questo sta rovinando la struttura del tuo sito.

Per quanto mi riguarda, la linea guida di base è che se non penso che riutilizzerò un tag, non lo applicherò a un post. E se un’undicesima categoria bussasse alla mia porta, probabilmente mi chiedo se il sito web potrebbe usare un’altra tassonomia accanto a categorie e tag. Diversi plug-in di WordPress possono aiutare a riorganizzare le tassonomie, ma la maggior parte di loro non sembra aggiungere reindirizzamenti dopo aver unito o eliminato tassonomie – assicurati di farlo, ovviamente.

Non prenderla alla leggera

Sebbene si possa scrivere questo in un paio di paragrafi, potrebbe essere un processo lungo che non dovrebbe essere preso alla leggera. Quando si modifica la struttura di un sito Web di grandi dimensioni, potrebbe avere senso modificare anche la struttura del permalink. In questo articolo, ci concentriamo sulla ristrutturazione del sito per l’esperienza utente (e SEO), non su tutte le implicazioni tecniche che questo potrebbe avere se si desidera portare la ristrutturazione al livello successivo.

Per ulteriori informazioni potrest legere la guida su come modificare la struttura di permalink di WordPress

Aggiorna la sitemap e inviala a Google

Nel caso improbabile che tu abbia costruito manualmente la tua Sitemap HTML, aggiorna quella sitemap dopo aver cambiato la struttura del tuo sito. Nel caso più probabile hai una sitemap XML, ad esempio generata da Yoast SEO, reinviala da Google Search Console. Se hai rimosso una pagina che non dovrebbe più essere in Google, eliminala dal tuo sito web. Reindirizza quella pagina a una pagina che è strettamente correlata ad essa. Se davvero non hai la minima idea su quale pagina reindirizzare, pubblica un errore di eliminazione del contenuto di 410. In questo modo, farai almeno sapere a Google che hai eliminato questo contenuto di proposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Don`t copy text!