Contenuti Cluster , l’evoluzione del SEO

I motori di ricerca come Google,  aggiornano costantemente i loro algoritmi per favorire il contenuto basato sugli argomenti. Di conseguenza, i SEO stanno esplorando un nuovo modo di collegare contenuti correlati sotto un modello di “cluster di argomenti”.

Oggi la competizione per essere presenti nei primi posti dei risultati dei motori di ricerca è intensa.
Di conseguenza le pratiche SEO si sono evolute in un nuovo modello sfruttato da molti siti Web incentrati sui contenuti.

Il SEO sta passando a un modello di cluster di argomenti, in cui una singola pagina “pillar” funge da hub principale di contenuti per un argomento generale e più pagine di contenuto correlate allo stesso argomento rimandano alla pagina pillar e si collegano tra loro.

Questa azione di collegamento segnala ai motori di ricerca che la pagina pillar è un’autorità sull’argomento.

Nel tempo, la pagina dovrebbe guadagnare posizioni  sull’argomento trattato.

Il modello di cluster tematico, nella sua essenza, è un modo di organizzare le pagine di contenuto di un sito usando un’architettura più pulita e deliberata.

Argomenti trattati in questo articolo
1. I Motori di ricerca stanno forzando i Seo ad adattarsi a questa nuova realtà
2. I cluster di argomenti influenzano effettivamente le Serp?
3. Cosa significa questo per il tuo sito web?
4. Come posso creare un cluster di argomenti?

I motori di ricerca forzano i SEO ad adattarsi a questa nuova realtà

Il cambiamento del comportamento è il driver principale dietro l’approccio al cluster di argomenti.

Gli esperti di marketing e SEO non stanno attraversando il lungo processo di revisione della struttura del proprio sito solo per anticipare il comportamento dei consumatori. Sono costretti a farlo perché i motori di ricerca hanno cambiato i loro algoritmi in risposta ai cambiamenti comportamentali dei consumatori.

Fino ad alcuni anni fa, gli utenti ponevano query di parole chiave frammentate ai motori di ricerca per trovare le risposte alle loro domande.

Oggi, la maggior parte di loro è a proprio agio nel porre domande complesse a un motore di ricerca e si aspettano un risultato accurato.

Gli utenti che desiderano una risposta specifica utilizzano anche frasi diverse nelle loro query.

Ora i motori di ricerca sono abbastanza intelligenti da riconoscere le connessioni tra le query.

Gli algoritmi si sono evoluti al punto di poter comprendere il contesto topico dietro l’intento di ricerca, legarlo a ricerche simili che hanno incontrato in passato e fornire pagine Web che rispondono meglio alla query.

Il primo grande shake-up relativo a questo cambiamento si è verificato con l’aggiornamento di Hummingbird di Google nel 2013.

L’algoritmo di ricerca ha iniziato ad analizzare le frasi piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulle parole chiave. Molti professionisti SEO vedono Hummingbird come il passaggio ufficiale di Google da una parola chiave a un argomento principale.

Il  passo successivo verso la dipendenza da argomenti si è verificato con l’aggiornamento RankBrain di Google. Lanciato nel 2015, RankBrain è l’algoritmo di apprendimento automatico di Google progettato per comprendere il contesto delle query di ricerca.
Associa ricerche passate con temi simili e richiama più parole chiave e frasi associate alla query di ricerca per trovare i risultati migliori.

I cluster di argomenti influenzano effettivamente le SERP?

Alla luce di queste modifiche all’algoritmo, Anum Hussain e Cambria Davies di HubSpot hanno lanciato esperimenti di cluster tematico per un gruppo selezionato di argomenti nel 2016.

Gli ampi risultati dei loro esperimenti sul cluster tematico  hanno dimostrato che maggiore è il collegamento tra loro, migliore è il posizionamento nel motore di ricerca pagine dei risultati (SERP).
Anche le impressioni sono aumentate con il numero di link creati.

Cosa significa questo per il tuo sito web?

Prima del passaggio ai cluster tematici, la struttura di un sito web era costituita da un URL principale che ospitava la home page collegando sottodomini o sottodirectory.

Generalmente quando si  produce più contenuti, le pagine del blog proliferano e la struttura si espande , diventando complessa e senza una struttura di collegamento uniforme.

Questa configurazione rende più difficile per i motori di ricerca scansionare rapidamente tutte le pagine del sito.
Inoltre, è facile trovarsi con dozzine di pagine che trattano argomenti simili. Tutte queste pagine finiscono per competere l’una con l’altra.

Dunque è necessaria una disposizione più ordinata e premurosa – una che indichi ai motori di ricerca quale pagina debba essere priorizzata e visualizzata per un argomento principale e quindi organizza tutte le pagine correlate a quell’argomento in un cluster interconnesso.

I cluster topici riorganizzano l’architettura per assomigliare più all’immagine qui sotto, dove i gruppi di contenuti che coprono un’area tematica si collegano a una pagina del pilastro centrale che definisce in modo definitivo – ma in generale – l’argomento.

Collegando tutti i contenuti interni di quell’argomento a una pagina pillar, i motori di ricerca come Google, Bing o Yandex possono facilmente eseguire la scansione di tutti i contenuti e capire che esiste una relazione semantica tra i contenuti delle pagine. L’impostazione del cluster segnala anche ai motori di ricerca che c’è una reale ampiezza e profondità nel contenuto, il che conferisce alla pagina del pilastro maggiore autorità sull’argomento.

Algoritmi come RankBrain di Google premiano questo collegamento ordinato con un posizionamento di ricerca più elevato.

Come posso creare un cluster di argomenti?

Controlla le tue pagine di contenuti esistenti e raggruppale per argomento. Se necessario, crea una pagina pillar sul content marketing che raccolga tutti gli aspetti chiave dell’argomento in una singola pagina (vedi l’esempio sotto).

Ricorda : che le pagine pillar devono coprire ampiamente l’argomento su cui ti stai concentrando in modo che abbia senso legarsi a tutti i contenuti del cluster che vi collegano. Il contenuto del cluster che crei o ottimizzi dovrebbe entrare in profondità in una sola area menzionata nella pagina del pilastro.

Ad esempio: se si dispone di una pagina pillar sull’ottimizzazione dei motori di ricerca, una pagina di contenuto del cluster spiegherebbe come ottimizzare l’architettura del proprio sito per i motori di ricerca.

La chiave è pensare alle risorse del tuo contenuto in termini di argomenti in cui desideri far competere la tua attività, piuttosto che a parole chiave. Le parole chiave possono ancora giocare nella tua strategia generale, ma gli argomenti sono ora l’ombrello sotto il quale opera la tua strategia per le parole chiave.

Una volta che hai una pagina pillar , aggiorna i link nelle pagine di contenuti correlate che hai identificato per formare un “cluster” attorno alla pagina pillar.

Ogni post nel set di cluster deve essere collegato almeno una volta con lo stesso testo di ancoraggio in modo che un motore di ricerca sappia che fa parte di un cluster di argomenti. Nel corso del tempo, monitorare il posizionamento della pagina del pilastro nei motori di ricerca.

Quando il tuo ranking si stabilizza e hai sviluppato la tua autorità sull’argomento, puoi portare avanti la catena di cluster collegandoti a un argomento correlato.

In conclusione

In questo articolo abbiamo approfondito l’argomento sui contenuti cluster e come creare un cluster di argomenti.
Ti consiglio di leggere l’articolo sugli strumenti per la ricerca di parole chiave. Una risorsa piuttosto interessante che ti svelerà alcuni strumenti gratuiti che non tutti conoscono.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *