10 strumenti per la ricerca di parole chiave , che non conosci

Vuoi conoscere quali sono gli strumenti  per la ricerca di parole chiave ? In questo articolo abbiamo raccolto i 10 migliori strumenti per ricercare parole chiave.Mentre la ricerca per parole chiave si è evoluta nel corso degli anni, la necessità di comprendere l’intento dell’utente attraverso le parole chiave rimane una priorità elevata.

Non puoi semplicemente creare contenuti per il tuo sito web usando solo termini che ti sono familiari.

È necessario pianificare in anticipo contenuti mirati , ottenendo informazioni su come gli utenti stanno cercando  e i termini che stanno utilizzando.

NOTA : Ricordarti di mantenere le parole chiave scelte rilevanti per il contenuto.

Di seguito trovi la nostra lista di strumenti di ricerca gratuiti per parole chiave che semplificano il processo di ricerca.

1. Google Keyword Planner
2. Bing Webmaster Tools
3. Google Search Console
4. Answer the Public
5. Keywordtool.io
6. SEMRush
7. Ubersuggest
8. Google Trends
9. SpyFu
10. Grafico LSI

1. Google Keyword Planner

Google è senza dubbio il N.1 di tutti i motori di ricerca, con miliardi di utenti in tutto il mondo.
Google offre uno strumento di ricerca gratuito per parole chiave.

Lo strumento di pianificazione delle parole chiave, fornisce informazioni preziose per aiutarti a creare contenuti mirati.

Google Keyword Planner è stato originariamente creato per svolgere ricerche di parole chiave per campagne a pagamento utilizzando la piattaforma AdWords di Google.

Tuttavia, può anche essere utilizzato per ricercare parole chiave organiche, fornendo volumi di ricerca mensili globali / locali stimati per le parole chiave (ovvero la loro popolarità) e la loro concorrenza (vale a dire il grado di difficoltà nel posizionamento) per la ricerca organica.

Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave può anche essere utilizzato per identificare tendenze e previsioni relative ai volumi di parole chiave, oltre a contribuire a generare idee per nuove parole chiave sulla base di un elenco di parole chiave o di contenuti da pagine Web aggiungendo URL.

Devi avere un account Google Adwords per utilizzare questo strumento, ma puoi registrarti gratuitamente.

Utilizzando i dati sulla competizione e sul volume, è possibile scegliere come target parole chiave di concorrenza “medie” o “basse” che hanno un numero relativamente elevato di “Ricerche mensili globali” o “Ricerche mensili locali”, a seconda di la posizione del tuo pubblico di destinazione.

NOTA: le cifre fornite non sono accurate al 100%. Si consiglia di utilizzare altri strumenti al fine di decidere  le migliori parole chiave per il contenuto del tuo sito web.

2. Bing Webmaster Tools

Lo strumento di Bing ti consente di generare idee per le parole chiave inserendo qualsiasi termine, con la possibilità di impostare il paese e la lingua.

Lo strumento restituisce quindi i volumi di ricerca, le tendenze e i dati medi CPC / Bid fino a un massimo di 6 mesi dal motore di ricerca di Bing.

È importante esaminare le parole chiave per le quali si classifica e quelle che generano impressioni.

La sezione “Parole chiave di ricerca” in Strumenti per i Webmaster di Bing ti aiuta a identificare le parole chiave, fornendoti in dettaglio quelle che generano clic e impressioni, insieme alla percentuale di clic (CTR) e alle posizioni medie in Bing.

3. Google Search Console

Google Search Console fornisce uno strumento simile alle parole chiave di ricerca di Bing, ma su steroidi.

È possibile trovare le analisi di ricerca nella sezione “Traffico di ricerca” e fornire dettagli sulle parole chiave che hanno spinto i clic sul tuo sito web, in base ai dati fino agli ultimi 90 giorni. La differenza con la versione di Google è che puoi filtrare i dati per aggiungere ulteriore contesto alle parole chiave, ad esempio filtrare per paese per vedere la popolarità delle parole chiave in base al paese, che può essere utile quando si eseguono ricerche di parole chiave per siti Web che servono più di un paese .

Puoi anche filtrare per query, il che è utile quando guardi le domande di marca o quando guardi determinate parole. Ad esempio, mostra solo parole chiave che includono il termine “SEO”. Il grafico consente inoltre di individuare le tendenze in tutte le metriche disponibili e confrontare settimana per settimana o mese per mese. Questo può aiutarti a monitorare e approfondire la progressione nel tempo, permettendoti di rispondere a domande come “le parole chiave del mio marchio hanno ricevuto più clic nell’ultimo mese rispetto al mese precedente?”, “Il CTR è migliorato?”, “Ha fatto la media le posizioni in Google migliorano? “.

4. Answer the Public

Answer the Public è un ottimo strumento per scoprire quali domande le persone chiedono a Google. Rispondi ai lavori pubblici prendendo la tua parola chiave o argomento target e aggiungendo interrogativi – chi, cosa, quando, dove, perché e come – di fronte a loro.

Quindi utilizza Google Suggest per creare un elenco di domande per le quali il tuo pubblico ha bisogno di risposte.

Sapere quali domande le persone stanno facendo sul tuo argomento è la chiave per creare contenuti che corrispondano all’intento di ricerca dell’utente.

Le loro pratiche visualizzazioni dei dati ti aiuteranno a trovare nuovi contenuti e idee per le parole chiave.

5. Keywordtool.io

Keywordtool.io ha una versione gratuita che consente agli utenti di generare idee per parole chiave correlate quando inseriscono una parola chiave iniziale. Una delle grandi cose di questo strumento è che offre anche la possibilità di selezionare domini Google localizzati, insieme alla lingua, in modo che possa essere utile per la ricerca di parole chiave per le campagne internazionali.
Lo strumento ha anche una versione a pagamento, che fornisce parametri di ricerca, CPC e competizione. Le parole chiave possono quindi essere ordinate da una qualsiasi di queste colonne.

6. SEMRush

SEMrush è uno strumento a pagamento, ma consente un utilizzo gratuito limitato ogni giorno. È uno strumento completo che fornisce informazioni che vanno da parole chiave correlate e tendenze, a siti che classificano e / o acquistano annunci per il termine di ricerca.

Gli utenti gratuiti sono limitati a 10 query al giorno.

7. Ubersuggest

Ubersuggest è uno strumento utile che ti aiuta a costruire il tuo elenco di parole chiave usando i suggerimenti offerti da Google Suggest.

Inserisci semplicemente una parola chiave, scegliendo il tuo paese e il tipo di ricerca (web, immagini, ecc.) E Ubersuggest fornirà un elenco di parole chiave correlate. Lo strumento afferma di fornire parole chiave che non sono disponibili nel Google Keyword Planner.

Una volta ottenuto l’elenco di parole chiave, puoi scaricarle o copiarle e incollarle, quindi eseguirle tramite lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google per scoprire quali valgono la pena di targeting (in base ai volumi di ricerca associati e alla concorrenza).

8. Google Trends

Un altro prodotto Google interessante è Google Trends. Ti fornisce una selezione di parole chiave popolari che corrispondono alla tua parola chiave, in base alle ultime tendenze di ricerca. Fornisce anche una rappresentazione grafica delle tendenze mutevoli nel tempo, insieme ai paesi e alle città in cui viene cercata la parola chiave.

9. SpyFu

Spyfu è uno strumento di ricerca per parole chiave molto pratico e gratuito. Ci sono due modi in cui puoi cercare la tua parola chiave in Spyfu:

Inserisci l’URL del tuo sito web: mostra le principali parole chiave che il sito web classifica sia per gli annunci a pagamento che per la ricerca organica. Usalo anche per il sito web di un concorrente.
Inserisci la parola chiave: mostra i siti che classificano per la parola chiave.

10. Grafico LSI

LSI Graph è uno strumento per creare le cosiddette parole chiave “indicizzazione semantica latente”. Le parole chiave LSI sono parole semanticamente / topicamente correlate a un’altra parola o frase.

Non sono sinonimi o varianti di parole chiave (che non dovresti usare più, comunque). Invece, sono parole che ti aspetti di usare quando discuti un determinato argomento.

L’esempio standard per le parole chiave LSI è per la parola chiave “mela”. Le parole chiave LSI per “apple” sarebbero “iTunes”, “app store”, “best buy” e “iPhones”.

Google utilizzando le parole chiave LSI è stato un modo per rimuovere l’ambiguità (azienda tecnologica rispetto alla frutta) e migliorare la pertinenza.

In Conclusione

Ci auguriamo che tu abbia trovato utili alcuni di questi strumenti. Vale la pena notare che se non si dispone di contenuto adatto a una determinata parola chiave, è sempre possibile crearlo. Ricordati solo di assicurarti che il contenuto risponda alla query di ricerca che stai tentando di scegliere come target.